Melo
FALEGNAMERIA BOSIO SAGL

MELO (MÁLUS SYLVESTRIS SSP. DOMÉSTICA BORKH. MANSF.)

APFELBAUM / POMMIER

IL MELO E CARATTERIZZATO DA RAMI E RAMOSCELLI DIVERGENTI E DA UNA LARGA CHIOMA DAL FOGLIAME FITTO. RAGGIUNGE UN'ALTEZZA MASSIMA DI ca. 10 m. L'ALBERO GIOVANE PRESENTA UNA SCORZA GRIGIO CHIARO E LISCIA. CON L'ETÀ VIENE A TRASFORMARSI UN RITIDOMA GRIGIO-BRUNO CHE SI SFALDA IN PICCOLE SQUAME SOTTILI. IL LEGNO SOTTOSTANTE È COMPOSTO DA UN ALBURNO ROSSASTRO CHIARO E DA UN DURAME MOLTO DURO, MEDIAMENTE PESANTE E DI GRANDE VALORE.

È COMPATTO, DIFFICILE DA SPACCARE E LA DIREZIONE DELLE FIBRE PRESENTA SEMPRE UNA CERTA TORSIONE. IL SUO RITIRO È IMPORTANTE ED È POCO RESISTENTE SE ESPOSTO ALL'UMIDITÀ. LEGNO DI BUONA LAVORABILITÀ, SI PRESTA BENE ALLA TORNITURA, ALLA SEGATURA  E ALLA SCULTURA. VIENE IMPIEGATO NELLA FABBRICAZIONE DI MOBILI E GIOCATTOLI.

IN PIANURA E SULLE COLLINE, SUL SUOLO FRESCO, RICCO ED IN POSIZIONE SOLEGGIATA IL MELO È MOLTO PRODUTTIVO. LE REGIONI DOVE SI VERIFICANO GELATE TARDIVE SONO POCO ADATTE.

IL MELO E LE QUATTRO STAGIONI:

- FIORE;

- PAGINA SUPERIORE DELLA LAMINA VERDE SCURO E SOVENTE ONDULATA;

- GEMMA TERMINALE DA OVOIDALE A CONICA;

- RITIDOMA GRIGIO-BRUNO DI UN VECCHIO ALBERO.